Calcio. Il Valdiano fermato da Eolo. La gara con il San Tommaso si ripete il 2 dicembre I dirigenti con la mente rivolta al mercato, nel mirino l'attaccante Cibele



































La violenza del Dio dei venti Eolo ha costretto sul tramonto della prima frazione il direttore di gara Di Nosse a porre fine in modo anticipato alla sfida salvezza di eccellenza tra gli irpini del San Tommaso e il Valdiano.

Fino a quel momento (il cronometro faceva segnare il minuto 41′) i ventidue in campo più che cercare di offrire piacevoli giocate agli sparuti e coraggiosi spettatori presenti sugli spalti erano stati costretti a cimentarsi con le sferzanti folate di vento gelido che ha accompagnato i protagonisti fin dal fischio iniziale. E dinanzi alla violenza di Eolo nulla hanno potuto, tanto che la giacchetta nera ha dovuto interrompere la sfida che sarà ripetuta mercoledì 2 dicembre sempre nell’impianto irpino.

Per il Valdiano il rinvio finisce per diventare una beffa, in particolare per l’estroso Giuseppe Spinelli, che era squalificato e che ora dovrà scontare il turno di stop nel prossimo impegno casalingo di domenica, quando gli azulgrana del patron Carmine Cardinale ospiteranno al “ Vertucci” la Scafatese 1922, del tecnico Mimmo Citarelli, ex attaccante e mai dimenticato dello storico Valdiano’85, che regalò al comprensorio il calcio Pro.








Ma nella testa dei dirigenti del Valdiano, a partire dal presidente Antonio Morena, ma anche dal duo tecnico Morea-Sarli, non c’è soltanto la sfida con i canarini (tra l’altro sconfitti in casa dal Faiano del dg Mario Bracco), ma lo sguardo appare rivolto alla prossima apertura del mercato e le attenzioni sono indirizzate verso l’ingaggio di un attaccante e nel taccuino dei dirigenti valdianesi al primo posto figura l’ex Faiano, con un passato glorioso con Catania e Melfi, Antonio Cibele, 23 anni, il quale appare intenzionato a sposare la causa degli azulgrana. Ancora una settimana e sapremo se il matrimonio tra Cibele e il Valdiano troverà una soluzione positiva.

– Gerardo Lobosco – 


 

 



































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*