Buonabitacolo-Montesano-Sanza: Vicenda Consac. Archiviata la richiesta di nomina del commissario per il servizio idrico integrato





























Archiviata da parte del Difensore Civico Regionale la richiesta dell’ATO (Ambito Territoriale Ottimale) di nomina del Commissario ad acta per il trasferimento al Consac del servizio idrico integrato dei Comuni di Montesano, Sanza e Buonabitacolo.

A darne notizia le tre amministrazioni del Vallo di Diano che, come noto, non hanno ritenuto trasferire la gestione del proprio servizio idrico integrato alla società di Vallo della Lucania proponendo, al contrario, ricorso al Tar Campania-Salerno, sede in cui hanno impugnato le note dell’Ato che invitavano i propri Comuni a passare dalla gestione in proprio a quella della società per azioni cilentana. Il Difensore Civico regionale, interpellato dall’ATO al fine di nominare un commissario ad acta per far si che i tre Comuni aderiscano  al Consac, ha deciso di archiviare la pratica nei confronti delle Amministrazioni Comunali interessate essendo pendente il ricorso e non ricorrendo altre ragioni per dare seguito alla richiesta dell’ATO. Dopo aver stanziato delibere di consiglio e una nota dell’Avvocato Marcello Feola con tutte le ragioni inviate al Difensore Civico regionale che a sua volta le ha valutate e ritenendo opportuno quanto scritto, ha deciso di archiviare anche valutando il giudizio del Tar.

“Dopo questa notizia a noi positiva – dichiarano congiuntamente le tre Amministrazioni tramite il Consigliere di Montesano Giuseppe Rinaldicontinuiamo la nostra battaglia, sia in termini giuridici che politici, per preservare la gestione comunale che portiamo avanti del servizio idrico integrato e che ad oggi risulta pienamente efficiente, economica e soprattutto funzionale alle esigenze dei nostri territori e dei cittadini. Siamo soddisfatti dell’esito del procedimento avviato dal Difensore Civico, peraltro solo verso i nostri Comuni, pur sussistendo altre vicende simili alla nostra, in quanto ha accolto le motivazioni che attraverso il nostro legale in questa vicenda, Avv.Marcello Feola, avevamo addotto per giustificare la nostra posizione che non è ideologica ma fondata su ragioni giuridiche, politiche ed economiche che ci auguriamo prevarranno in ogni sede e che oramai da tempo portiamo congiuntamente avanti”. Rinaldi ha inoltre sottolineato ancora una volta il parere contrario alla società Consac: “Riteniamo che la gestione del Comune sia efficiente e non vogliamo portare l’economia dei nostri territori nelle casse di Vallo della Lucania, è davvero inconcepibile”.







– redazione –


 





























Comments are closed.