Buccino, il sindaco Parisi scrive al Consiglio dei Ministri: “Via i vincoli del Patto di Stabilità”





































È stata votata all’unanimità dalla Giunta comunale guidata dal sindaco di Buccino, Nicola Parisi, la delibera dove si chiede alla Presidenza del Consiglio dei Ministri di esonerare i piccoli Comuni dal rispetto del vincolo del Patto di Stabilità.

La legge del Patto di Stabilità infatti, impone anche ai Comuni con meno di 5mila abitanti, di rispettare alcuni vincoli legislativi che limitano le modalità di spesa degli Enti. Una legge che secondo il primo cittadino di Volcei, penalizzerebbe i comuni.

“Si tratta di una legge che spesso comporta il blocco totale di alcuni  investimenti importanti – spiega il sindaco Nicola Parisi  – i lavori di manutenzione e messa in sicurezza di  opere pubbliche  di fondamentale importanza quali strade, ponti, scuole e centri di aggregazione pubblici, non possono essere soggetti al rispetto dei vincoli del patto di Stabilità ed è proprio per questo motivo che lo Stato dovrebbe eliminarli”.




Questa deliberaaggiunge il primo cittadino – è stata dettata dagli eventi tragici del crollo del ponte Morandi di Genova che ci spingono a riflettere sulla modalità gestione dei finanziamenti in capo ai Comuni che spesso hanno i finanziamenti ma non possono impiegarli”.

Una vera e propria sfida al Governo dunque, quella lanciata dal primo cittadino che ha indirizzato la delibera anche all’Anci nazionale e a tutti i Comuni della provincia di Salerno.

Mi auguro– conclude Parisi – che la nostra proposta approdi in Parlamento e il Governo metta i Comuni nelle condizioni di poter garantire la messa in sicurezza delle infrastrutture cosiddette sensibili”.

– Mariateresa Conte

 





























2 Commenti

  1. Salvatore says:

    …. ma il patto di stabilità mi sembra sia stato abolito dal vincolo del pareggio di bilancio

  2. ANGELO MANGO says:

    BELLA STRA DA PERCORRERE. COMPLIMENTI. LA MIA SOLIDARIETA’

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*