Buccino: Gli operai della Ergon incrociano le braccia. Sospesa la raccolta dei rifiuti





































Si estende la protesta dei lavoratori della Ergon. Da questa mattina i sei dipendenti che prestano servizio presso il comune di Buccino hanno incrociato le braccia per protestare contro il mancato pagamento degli stipendi da parte dell’ente comunale e della stessa società che ha sede nel comune di Polla.

I lavoratori devono ancora percepire ben 9 mensilità arretrate, come ha spiegato il rappresentante della sigla sindacale UGL Antonio Votta.

“Questa situazione è diventata insostenibile – ha sottolineato Votta – e dopo aver atteso mesi senza avere risposte ma soltanto promesse vane, i lavoratori hanno deciso di incrociare le braccia e lo faranno fino a quando non avremo risposte certe sul pagamento degli stipendi arretrati. Questa volta non abbiamo intenzione di mollare – ha concluso – e la raccolta dei rifiuti sarà sospesa fino a quando avremo un incontro con la Ergon e con il sindaco per poter avere una data certa sul pagamento degli stipendi arretrati”.







– Erminio Cioffi –


 

  • Articolo correlato

19/03/2014 – Polla: Operai Ergon. Stop al blocco dell’Autostrada. Siano punta il dito contro i Comuni


 































Comments are closed.