Borsa Mediterranea del Turismo. L’assessore Corrado Matera incontra il Ministro argentino Gustavo Santos "Vogliamo rafforzare i legami con le comunità italiane dell’America Latina"





























Gustavo-Santos-Corrado-MateraInaugurata questa mattina la Borsa Mediterranea del Turismo, in programma presso la Mostra d’Oltremare di Napoli fino a domenica 25 marzo.

L’edizione di quest’anno vede la partecipazione del Ministro del Turismo dell’Argentina, Gustavo Santos, che ha incontrato l’assessore allo Sviluppo e Promozione del Turismo Corrado Matera per rafforzare i legami con le comunità italiane dell’America Latina.

“La Borsa Mediterranea del Turismo è un’importante occasione per consolidare il rapporto con l’Argentina – ha dichiarato Corrado Matera – già avviato in occasione della Fiera di Buenos Aires, la Fiera Internazionale del Turismo dell’America Latina, lo scorso ottobre, allo scopo di promuovere il turismo di ritorno, cioè dei discendenti degli emigranti, che desiderano conoscere i territori di origine“.





“In Argentina ci sono 22 milioni di nostri connazionali che hanno sangue italiano – ha ricordato il Ministro argentino Santos – E’ quindi importante essere oggi a Napoli e dare seguito alle intese con la Regione Campania per stabilire accordi tra i due Paesi e sviluppare scambi culturali e turistici”.

Tra gli appuntamenti di rilievo della Borsa Mediterranea del Turismo, la presentazione del progetto “I percorsi dell’anima“, gli itinerari religiosi della Campania che diventano soggiorni per scoprire la natura, l’arte, la gastronomia e l’artigianato.

Domani, sabato 24 marzo alle ore 12, l’assessore Corrado Matera incontrerà i  rappresentanti dei 24 distretti turistici regionali.

La Regione Campania mette in mostra la sua offerta turistica all’interno di uno stand di circa 600 metri quadri che ospita iniziative, eventi e nuove forme di promozione come lo “Street Art Live“, opera dello street artist Mr. Fijodor che rende omaggio al Patrimonio Unesco della Regione.

– Maria De Paola –

 

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*