Blocco impianti del secco indifferenziato in Campania. Sanza chiude temporaneamente il Centro raccolta Il consigliere Cozzi:"Siamo contrariati, la Regione individui le soluzioni necessarie"





























Il blocco degli impianti di conferimento del rifiuto secco indifferenziato in Campania provoca gravi problemi anche ai Comuni virtuosi, dove la raccolta viene effettuata con regolarità e precisione.

A causa infatti della chiusura dell’impianto di smaltimento, utilizzato dall’azienda affidataria del servizio, l’Amministrazione Comunale di Sanza si vede costretta a chiudere temporaneamente il Centro raccolta rifiuti da sabato 7 luglio.

Il Comando di Polizia Municipale ed il Responsabile del servizio avvisano dunque che il rifiuto indifferenziato non potrà essere conferito in maniera autonoma nella giornata del sabato presso il Centro raccolta, ma occorre che venga conferito porta a porta il primo mercoledì di ogni mese, come da calendario in vigore, in attesa che la situazione si sblocchi e possa essere riaperto il Centro raccolta di località fabbricato.







Siamo molto contrariati per quanto sta avvenendo nei centri di smaltimento rifiuti della Campania – ha riferito il consigliere comunale Antonio Cozzila speranza è che la Regione intervenga al più presto per risolvere le problematiche che ora causeranno notevoli disagi ai cittadini. E’ assurdo che Comuni come il nostro, dove la raccolta differenziata viene effettuata in modo eccellente dai nostri concittadini, debbano pagare le inefficienze di un sistema che fatica ad assorbire le quantità di rifiuti indifferenziati prodotti dai Comuni campani. Facciamo appello dunque all’assessore Bonavitacola ad individuare al più presto le soluzioni necessarie”.

– Chiara Di Miele –





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*