Autobus poco sicuri pronti a partire da Potenza per gite scolastiche. Bloccati dalla Polizia































Sono tre gli autobus bloccati in partenza dagli agenti della Polizia Stradale di Potenza a causa di alcune irregolarità riscontrate nei dispositivi di emergenza.

I mezzi erano in partenza da Potenza per le gite scolastiche. Gli agenti della Stradale hanno effettuato dei controlli su quattro autobus, contestandone in tre diverse irregolarità nei dispositivi di emergenza e infrazioni al Codice della Strada.

Uno dei mezzi non presentava la dotazione essenziale delle cassette di pronto soccorso in caso di emergenza. Per questo è scattata la sanzione e la sistemazione da parte della ditta.






Su un altro mezzo gli agenti hanno riscontrato delle inefficienze nell’apertura delle porte anteriori e posteriori in caso di emergenza: a motore spento non si aprivano. Per questo, prima della partenza, alla ditta è stata intimata la sostituzione dell’autobus. Ma anche l’autobus sostitutivo, a seguito di ulteriori controlli, è risultato inefficiente per problemi al sistema di illuminazione, con luci non funzionanti. Dopo le contestazioni, nuova sostituzione del bus, con l’ultimo risultato idoneo ad effettuare il viaggio.

Anche sul quarto autobus controllato, le porte sono risultate non funzionanti a motore spento e in caso di emergenza, quindi sostituito.

Con questi ultimi interventi, sono una settantina quelli effettuati dagli agenti della Polizia Stradale nel potentino sugli autobus che vengono utilizzati per le gite scolastiche.

– Claudio Buono –





























Un commento

  1. Rocco Panetta says:

    Come si può leggere il Dirigente Scolastico di Potenza NON ha accusato di “eccesso di zelo” la Polizia Stradale di Potenza, cosa che, inopinatamente, ha fatto,pubblicamente, la Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Sassano(SA) che, a questo punto, dovrebbe scusarsi e chiedere lo svolgimento di lezioni di EDUCAZIONE STRADALE, nella sua scuola, alla Polizia Stradale di Sala Consilina.

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*