Attiva a Polla una stazione di ricarica per veicoli elettrici grazie alla Criscuolo Petroli e al Comune



















Nelle ultime settimane, anche in provincia di Salerno e nel Vallo di Diano, sono diversi i progetti che mirano all’installazione delle colonnine per ricaricare veicoli elettrici e permettere di rendere concreto il concetto di mobilità sostenibile di cui tanto si parla ormai da anni. Sul territorio comunale di Polla, da inizio febbraio, è attiva e funzionante una stazione per ricaricare auto, moto e altre tipologie di veicoli alimentati con energia elettrica.

Si tratta di una colonnina Enel, fortemente voluta dal Comune di Polla ed installata sulla proprietà della società Criscuolo Petroli nella Zona Industriale della città.

In Italia questa tipologia di stazioni gestite dalla principale società di distribuzione di energia sono oltre 30 e contribuiscono a mantenere l’ambiente più pulito fornendo un utile supporto a chi ha scelto di guidare un veicolo elettrico, riducendo i gas serra e azzerando anche l’inquinamento acustico. Il Piano nazionale per l’installazione delle infrastrutture di ricarica elettrica prevede 7000 colonnine entro il 2020 e 14.000 entro il 2022.






La colonnina pollese è capace di ricaricare contemporaneamente 3 veicoli grazie ad una potenza massima di 94 kW.

Per utilizzare la ricarica è semplice, non servono card prepagate, ma soltanto uno smartphone attraverso cui utilizzare l’App e-go Ricarica, un servizio di ricarica a tempo che permette di prenotare una sessione di ricarica per un intervallo di tempo di 15 minuti con 1 click e di controllare in tempo reale la spesa, ricevendo una mail con tutti i dettagli e i costi del servizio e l’addebito direttamente su carta di credito.

Un passo in avanti verso l’ecosostenibilità, dunque, grazie alla lungimiranza del Comune di Polla ed al supporto oltre che alla disponibilità della società Criscuolo Petroli che ha fornito l’area ideale per un’infrastruttura di questo genere.

– Chiara Di Miele –

 























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*