Atti vandalici contro la sede della Lega ad Auletta. Il coordinatore Vitolo:”Non ci fanno paura” "Invito chi è stato a farsi avanti per un confronto pubblico"

























E’ stata presa di mira dai vandali, ieri sera, la nuova sede della Lega ad Auletta. Ignoti, infatti, hanno divelto le bandiere con il simbolo del partito del ministro Matteo Salvini posizionate davanti alla sede, le hanno spezzate e buttate nei terreni vicini.

Ad accorgersi del gesto vandalico sono stati i responsabili che hanno immediatamente denunciato quanto accaduto ai Carabinieri della locale Stazione.

Forte lo sdegno dimostrato a poche ore dall’atto vandalico da parte di Giuseppe Vitolo, coordinatore della Lega Vallo di Diano-Cilento-Alburni, che anche attraverso i social ha denunciato i fatti di Auletta. “C’è chi con la violenza vuole fermare il nostro operato sia a livello territoriale che a livello nazionale – dichiara Vitolo raggiunto da Ondanews – credono di farci paura ma non è così, perché noi abbiamo dalla nostra il popolo. Queste persone che compiono questi gesti sono prima di tutto dei vigliacchi e degli stupidi, agiscono solo di notte come i ratti. Noi non ci fermiamo e andiamo avanti, già sono stati avvisati i vertici del partito che hanno espresso tutta la solidarietà alla sezione di Auletta e a tutto il suo gruppo che lavora notte e giorno per il proprio paese. Io invito chi è stato a farsi avanti, invece di fare questi gesti confrontiamoci sui contenuti anche pubblicamente, perché la democrazia è questa“.







Numerosi sono in queste ore gli attestati di stima che stanno giungendo al coordinatore locale e ai responsabili della sede di Auletta in seguito alla notizia degli atti vandalici subiti nella notte. Non è la prima volta che i simpatizzanti valdianesi della Lega vengono presi di mira. Allo stesso Vitolo, nello scorso mese di marzo, furono indirizzate delle dirette scritte offensive e minatorie sui muri di San Rufo, dove ha sede un altro coordinamento del partito di Salvini.

– Chiara Di Miele –



























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*