Antimafia. Il Direttore della DIA Giuseppe Governale in visita alla Sezione Operativa di Salerno





























Il Generale Giuseppe Governale, Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, ha fatto visita oggi alla Sezione Operativa di Salerno.

Ricevuto dal Capo Centro di Napoli, primo Dirigente della Polizia di Stato Giuseppe Linares, e dal Capo Sezione di Salerno, il Tenente Colonnello dei Carabinieri Giulio Pini, il Direttore si è intrattenuto nella sede della Sezione Operativa con gli altri Ufficiali e con tutto il personale dell’articolazione salernitana, soffermandosi particolarmente sulle strategie operative da adottare per prevenire e contrastare con la massima incisività i fenomeni di criminalità organizzata presenti sul territorio della vasta provincia.

Nel corso della visita è stato effettuato un approfondito esame delle attività svolte e di quelle in corso, sia sul versante delle investigazioni preventive e giudiziarie, sia sotto il profilo del contrasto alle infiltrazioni malavitose nel settore degli appalti pubblici e anche in seno alle amministrazioni locali.






In particolare sono stati valutati i risultati conseguiti nell’ultimo periodo dalla Sezione Operativa nell’attività di aggressione patrimoniale anche nei confronti di diverse persone indagate per reati contro la pubblica amministrazione, nell’ambito di una più vasta attività investigativa e preventiva finalizzata a scoprire infiltrazioni della criminalità organizzata negli appalti pubblici e conclusasi, di recente, con il sequestro anche per equivalente di circa 31 milioni di euro. Inoltre è stato posto l’accento sullo sviluppo e sulla delicatezza delle informazioni antimafia, che hanno permesso di fornire alla locale Prefettura significativi elementi di valutazione utili per l’adozione di diversi provvedimenti interdittivi e dinieghi di iscrizione agli elenchi c.d. white list.

Per quanto riguarda gli obiettivi strategici di medio-lungo periodo, il Direttore Governale, si è soffermato sulla necessità di proseguire lungo le direttrici che caratterizzano l’attività istituzionale della DIA: lo sviluppo delle indagini, l’aggressione ai patrimoni illeciti della criminalità organizzata attraverso misure di prevenzione patrimoniali mirate, l’approfondimento di segnalazioni di operazioni finanziarie sospette, spesso indice di attività di riciclaggio e il monitoraggio degli appalti pubblici, al fine di prevenire tentativi di infiltrazione mafiosa.

Al termine della visita, il Direttore ha partecipato alla presentazione delle attività del nuovo Osservatorio Multidisciplinare per il Contrasto alla Criminalità Organizzata e al Terrorismo, organizzato presso l’Università degli Studi di Salerno a Fisciano, nel corso del quale ha incontrato, oltre al Magnifico Rettore, prof. Aurelio Tommasetti,  anche  Federico Cafiero de Raho, Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, Presidente dell’Osservatorio, e i vertici provinciali delle Forze di Polizia, con i quali sono stati affrontati gli aspetti di maggiore criticità del territorio.

– Claudia Monaco –

























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*