Al via “Tanagro Opportunità Giovane”,iniziativa dei Comuni di Auletta e Teggiano per giovani inoccupati Cono Morello:"Valorizzare il patrimonio naturalistico e culturale delle aree interne del Tanagro e del Vallo di Diano"





































Tanagro Opportunità Giovane” è un’iniziativa del Comune di Auletta che vede il coinvolgimento di una rete di partner costituita dal Comune di Teggiano, dall’Associazione di Promozione Sociale Avalon, dall’Associazione Lo Stare Insieme, dal Consorzio Imprese Diano, dalla Demo Active di De Paola Massimiliano, dalla Fondazione MIdA e dalla Q S & Partners di V. Quagliano & C. SNC.

Valorizzare il patrimonio naturalistico e culturale delle aree interne del Tanagro e del Vallo di Diano a fini economici e occupazionali – dichiara il consigliere comunale di Teggiano, Cono Morelloè l’obiettivo prioritario del progetto in coerenza con le politiche adottate dai G.A.L. dei comprensori del Tanagro e del Diano, dalle Strategie di Sviluppo delle Aree Interne del Vallo di Diano e dalle amministrazioni di Auletta e Teggiano che potranno, così, sperimentare concretamente nuove forme di cooperazione istituzionale tra Enti e comprensori in materia di politiche giovanili e di lavoro”.

I giovani di età compresa tra i 16 e i 35 anni, inoccupati, possono iscriversi ai laboratori di “Sostegno e accompagnamento alla creazione di impresa”, “Sostegno e sostenibilità ambientale” e “Attività outdoor per il turismo di comunità”. Sarà altresì sperimentato l’allestimento di un laboratorio ubicato presso un centro di interesse culturale, il MIdA, per organizzare azioni capaci di capitalizzare il patrimonio culturale locale sia a fini economici ed occupazionali diretti sia creando servizi nell’ambito dell’indotto. Il bando, la domanda di partecipazione e ulteriori dettagli inerenti al progetto “Tanagro Opportunità Giovane”, finanziato dalla Regione Campania nell’ambito del progetto Benessere Giovani Organizziamoci, sono disponili sui siti dei comuni di Auletta e Teggiano.







Obiettivo strategico delle azioni pianificate risiede nella definizione di un modello innovativo di politiche inclusive che guardano con rinnovato interesse ai giovani, agli ambienti, alle tecnologie e ai luoghi, un mix vincente di sviluppo e appeal territoriale replicabile anche in altri contesti regionali e nazionali.

– Chiara Di Miele –

































Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*