Abuso di pesticidi e diserbanti a Capaccio Paestum. Tre persone finiscono in ospedale Individuato e denunciato il responsabile





































Paura ieri sera a Capaccio Paestum dove in località Gromola, tre persone, tra cui una bambina sono state portate in ospedale dopo aver avvertito un malore.

Tutti hanno accusato un forte bruciore agli occhi e alla gola per aver inalato molto probabilmente,dei pesticidi e dei diserbanti.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, i Carabinieri, la Polizia Municipale, i Vigili del Fuoco e i funzionari dell’Arpac.





Sono stati effettuati dei rilievi che chiariranno la tipologia di sostanze presenti nell’aria.

“Siamo intervenuti prontamente sul luogo dell’accaduto – ha dichiarato il sindaco Franco PalumboLe prime attività investigative hanno consentito di individuare il responsabile di tale azione, che è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. Dal nostro canto, attendiamo i risultati dell’Arpac per prendere i dovuti provvedimenti, al fine di evitare che queste scellerate azioni vengano ripetute anche in futuro. I prodotti fitosanitari vanno utilizzati in modo corretto, seguendo quelle che sono le Direttive normative in materia, così da evitare rischi per la salute umana”.

“Non a caso – continua – nel mese di giugno, il Comune di Capaccio Paestum ha organizzato in collaborazione con il Servizio Territoriale Provinciale di Salerno della Regione Campania, Direzione Generale della Salute e delle Risorse Naturali e con la Direzione Generale Politiche Agricole Alimentari e Forestali, un corso che ha portato al rilascio di quaranta certificati di abilitazione all’acquisto e all’utilizzo dei prodotti fitosanitari. Questo sta proprio a significare che si tratta di trattamenti chimici che vanno eseguiti correttamente perché altrimenti pericolosi per la salute umana. Continueremo a seguire con la massima attenzione tutte le vicende che hanno a che fare con l’inquinamento del nostro territorio, ritenendola attività prioritaria”.

– Claudia Monaco –





























Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*